Nel mondo della pizza sta succedendo ciò che nel mondo dell’ alta cucina è in atto già da tempo: un’evoluzione – quasi una rivoluzione – che pone al centro del mestiere di pizzaiolo la ricerca, l’attenzione agli ingredienti, la conoscenza del territorio. 

Dopo anni in cui tutti improvvisavano, i locali si facevano la guerra ad abbassare il livello dei costi, e con essi le materie prime, qualcosa è definitivamente cambiato. E forse per la prima volta, è un cambiamento alla portata di tutti. Se le cucine stellate restano appannaggio dei portafogli di pochi infatti, le pizze, anche quelle gourmet, restano un cibo popolare – per prezzo e per sapore. Non bisogna capirle insomma, basta mangiarle.

Viviamo in un mondo in cui tutto è gourmet, dal panino in autostrada alle lasagne surgelate, dalle patatine nel sacchetto alle merendine. L’etichetta gourmet è stata talmente abusata che basta aver superato il livello minimo della decenza alimentare, per rendere speciale praticamente qualunque cosa. Anche la pizza, e il fiorire di sedicenti pizzerie, ne è la prova. Gourmet però non significa “fatto bene”, e non significa una pizza digeribile fatta con della vera mozzarella – quello dovrebbe essere il minimo sindacale, e non una cosa da palati fini e raffinati.

La pizza è entrata nel panorama della cucina d’autore, frutto del lavoro di un pizzaiolo che la pari di un grande chef si fa ambasciatore delle eccellenze gastronomiche e del lavoro degli artigiani del luogo in cui vive, e con il proprio stile personale. Insomma in breve la pizza gourmet è quella già a spicchi, alta come una focaccia, il cui topping più o meno prezioso è suddiviso fra le fette per il boccone perfetto. Un perfetto connubio tra tradizione e innovazione che fa della pizza gourmet una nuova gustosa creazione per palati sopraffini e non.

fonte: La Cucina Italiana

ristoranti astiristoranti asti

Questo sito usa cookies per migliorare la tua esperienza.

Cookie Policies

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi